You are here
Home > Eventi > La notte europea dei ricercatori a Cagliari

La notte europea dei ricercatori a Cagliari

immagine_ndr14

Per l’ateneo di Cagliari l’appuntamento clou della Settimana della scienza, celebrata in Europa, è “la notte dei ricercatori” che si svolgerà all’Orto botanico di Cagliari e nel Polo di viale Fra Ignazio.

Dalle ore 20 alle 23 in viale sant’Ignazio, “La notte”, iniziativa promossa dalla Commissione Europea fin dal 2005 che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca, nasce per condividere con gli studenti e le loro famiglie le meraviglie dell’Orto Botanico. Previste iniziative in facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche: dissertazione sui giganti di Monte Prama, uso del telescopio dell’ateneo, conversazioni con esperti su temi di attualità. Aperti con ingresso gratuito i musei dell’Orto Botanico e delle cere anatomiche del Susini in Cittadella dei musei. In chiusura, premiazioni delle gare e un gioco musicale a squadre.

Venerdì 26, sono inoltre previste la visita guidata alla Collezione Piloni (alle ore 10, rettorato), dimostrazioni pratiche al laboratorio di restauro Colle di Bonaria (10/30 e 16, dipartimento Ingegneria meccanica) e il Processo all’Islamofobia (17, dipartimento Scienze sociali, aula Arcari viale Frà Ignazio). La Settimana della scienza giunta al nono anno vuole offrire l’opportunità di far conoscere  le scienze  ai cittadini di tutte le età. L’università di Cagliari punta a incontrare il grande pubblico per divulgare le ricadute della ricerca nelle sue applicazioni pratiche e stimolare i giovani verso la formazione universitaria.

Giochi, simulazioni, mostre. L’ateneo ha scelto “Incontriamoci” come cornice del tema conduttore della Settimana. I dipartimenti hanno aperto le loro porte con varie iniziative: giochi a squadre, simulazioni, conversazioni, esperimenti, dimostrazioni, mostre, circuiti. Il dipartimento di Fisica e l’Infn (Istituto nazionale di fisica nucleare) sono presenti nelle scuole con vari laboratori.

La notte dei ricercatori viaggia anche sui social network a cura del social team del corso di laurea in Scienze della comunicazione.

 

Top