You are here
Home > Eventi > Debutta nell’Isola “Enrico IV” di Luigi Pirandello

Debutta nell’Isola “Enrico IV” di Luigi Pirandello

 

 

vin_7630__branciaroli_primo_piano

La Grande Prosa al Teatro Massimo
CAGLIARI / Stagione 2014/2015

GIU’ LA MASCHERA!

CTB Teatro Stabile di Brescia / Teatro de Gli Incamminati
Enrico IV di Luigi Pirandello

da mercoledì 14 a domenica 18 gennaio 2015

mercoledì 14 gennaio ore 20.30 – turno A
giovedì 15 gennaio ore 16.30 – turno P
giovedì 15 gennaio ore 20.30 – turno B
venerdì 16 gennaio ore 20.30 – turno C
sabato 17 gennaio ore 20.30 – turno D
domenica 18 gennaio ore 19.00 – turno E
*ingresso in sala entro cinque minuti prima dell’inizio dello spettacolo

SCHERMI e SIPARI – La Grande Prosa al Cinema Odissea
Domenica 18 gennaio alle 11 al Cinema Odissea di Cagliari si proietta il film “Enrico IV” di Marco Bellocchio con Marcello Mastroianni (ingresso 4  euro)

OLTRE LA SCENA – incontro con gli artisti:
Franco Branciaroli e la compagnia dell’ “Enrico IV” incontreranno il pubblico venerdì 16 gennaio alle 17.30 al Cinema Odissea di Cagliari – coordinerà Nicola Fano  INGRESSO LIBERO

foto4712

Un viaggio nella mente, ai confini tra normalità e follia, con il raffinato gioco metateatrale dell’ “Enrico IV” di Luigi Pirandello, debutta nell’Isola  – dal 14 al 18 gennaio al Teatro Massimo di Cagliari e il 19 e il 20 gennaio al Nuovo Teatro Comunale di Sassari  – nell’interessante mise en scène del  CTB Teatro Stabile di Brescia / Teatro de Gli Incamminati per la regia di Franco Branciaroli, protagonista sulla scena nel ruolo dell’aristocratico imprigionato, per una crudele beffa del destino, nel tempo sospeso di un immaginario Medioevo, dietro la maschera dell’imperatore tedesco umiliato a Canossa, con una corte di servitori e guitti. Una caduta da cavallo, durante una festa in costume, ha fermato la sua vita in un istante di gioventù, ed egli, perduta la sua identità ha assunto quella del personaggio, Enrico IV, di cui vestiva i panni e che si era preparato a interpretare: la  finzione è diventata realtà, per lui e per quanti, assecondando la sua pazzia, assumono di volta in volta le altre parti di una commedia che, pur segretamente rinsavito, egli continua a recitare.
L’inganno sfugge all’analisi dei medici, come allo sguardo dei parenti,  la verità vien messa a nudo durante un’inattesa visita, una sorta di esperimento scientifico per risvegliare la sua memoria con uno shock: l’idea dello psichiatra e che egli, ritrovandosi davanti un altro se stesso, quale era al tempo dell’incidente, e una fanciulla identica alla donna di cui era innamorato, copie in carne ed ossa dei due dipinti realizzati in occasione della fatale cavalcata, e dunque nei panni di Enrico IV e Matilde di Canossa, possa finalmente ritrovare la ragione. La visione di colei che aveva amato, e dell’antico rivale, più ancora che il miraggio della giovane, così somigliante alla madre da parer lei com’era allora, riaprono l’antica ferita di un tradimento e acutizzano l’amara consapevolezza degli anni trascorsi invano, il rimpianto per quella giovinezza e quell’ipotesi di felicità subdolamente sottrattegli dalla sorte, e dal trauma della caduta.
Le passioni sopite riaffiorano d’improvviso, è come se il tempo fosse ritornato indietro, e la festa in maschera riprendesse dal punto in cui s’era così drammaticamente interrotta, ma è troppo tardi: la terapia d’urto suggerita dal medico avrà esiti imprevedibili, così come quell’antico scherzo, che avrebbe dovuto procurare semmai l’umiliazione dello stravagante giovane vestito da imperatore, e invece pur senza ucciderlo ne aveva decretato la fine agli occhi del mondo, rinchiudendolo dietro il muro invalicabile di una strana mania. L’ironia del duplice inganno, da un lato coloro che indossano abiti di antichi personaggi storici con l’intento di assecondare la follia del loro involontario ospite, il quale a sua volta si finge quello che per lungo tempo aveva creduto di essere, Enrico IV, ovvero un pazzo, dall’altra appunto il protagonista con il suo seguito, pronti a recitare la loro parte, si volge d’un tratto in tragedia.
Il finale regala prima dell’ultimo coup de théâtre la rivelazione, amara, della verità dietro la maschera: «Preferii restare pazzo e vivere con la più lucida coscienza la mia pazzia […] questo che è per me la caricatura, evidente e volontaria, di quest’altra mascherata, continua, d’ogni minuto, di cui siamo i pagliacci involontarii quando senza saperlo ci mascheriamo di ciò che ci par d’essere […] Sono guarito, signori: perché so perfettamente di fare il pazzo, qua; e lo faccio, quieto! – Il guajo è per voi che la vivete agitatamente, senza saperla e senza vederla la vostra pazzia. […] La mia vita è questa! Non è la vostra! – La vostra, in cui siete invecchiati, io non l’ho vissuta!»

L’ “Enrico IV” di Pirandello, con regia di Franco Branciaroli, sarà in cartellone da mercoledì 14 gennaio alle 20.30 fino a domenica 18 gennaio 2015 al Teatro Massimo di Cagliari  (da mercoledì a sabato (turni A, B, C, D) alle 20.30 e domenica alle 19 (turno E), e giovedì alle 16.30 anche la recita pomeridiana del turno P) per la la stagione 2014-15 de La Grande Prosa al Teatro Massimo; e poi in tournée nell’Isola, sempre sotto le insegne del CeDAC  lunedì 19 e martedì 20 gennaio alle 21 al Nuovo Teatro Comunale di Sassari per la Stagione 2014-15 nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo.

Nel cast – accanto a Franco Branciaroli – spiccano i nomi di Melania Giglio, Giorgio Lanza, Antonio Zanoletti, Valentina Violo, Tommaso Cardarelli e Daniele Griggio, e ancora (in ordine di apparizione) Sebastiano Bottari, Andrea Carabelli, Pier Paolo D’Alessandro, Mattia Sartoni. Scenografie e costumi sono di Margherita Palli e il disegno luci di Gigi Saccomandi.

INCONTRO CON GLI ARTISTI: Franco Branciaroli e la compagnia dell’ “Enrico IV” – insieme al giornalista e storico del teatro Nicola Fano – incontreranno il pubblico venerdì 16 gennaio alle 17.30 al Cinema Odissea di viale Trieste 84 a Cagliari per un nuovo appuntamento con la rassegna “Oltre la Scena/ gli attori raccontano”–  INGRESSO LIBERO

SCHERMI e SIPARI: Per il ciclo di visioni “Schermi e Sipari/ La Grande Prosa al Cinema Odissea” DOMANI (lunedì 12 gennaio) alle 17 e domenica 18 gennaio alle 11 al Cinema Odissea di Cagliari si proietta l'”Enrico IV” di Marco Bellocchio con Marcello Mastroianni (ingresso 4  euro)

 

INFO & PREZZI

“Enrico IV” al Teatro Massimo di Cagliari

biglietti
biglietti serali
intero   ridotto
primo settore  €   32   €   25
secondo settore €   27   €   20
loggione  €   15   €   10

biglietti pomeridiane
intero   ridotto
€   16   €   12

La Biglietteria del Teatro Massimo di Cagliari (ingresso in via De Magistris) sarà aperta nei giorni di spettacolo – a partire dalle 17 e un’ora prima dell’inizio della recita pomeridiana.

Top