You are here
Home > Eventi > ArteProgetti48 Loredana Virdis progetta e organizza “AperiPaolo a Colori, insieme si vince” Serata di condivisione e solidarietà a favore dei pazienti affetti da SLA

ArteProgetti48 Loredana Virdis progetta e organizza “AperiPaolo a Colori, insieme si vince” Serata di condivisione e solidarietà a favore dei pazienti affetti da SLA

ArteProgetti48
Loredana Virdis
progetta e organizza

AperiPaolo a Colori, insieme si vince

Serata di condivisione e solidarietà

 a favore dei pazienti affetti da SLA

Paolo Palumbo è lieto di invitarvi all'”Apericena Colorato” sabato 13 maggio ore 20.30 al Caesar’s Hotel in via Darwin a Cagliari.

Coordina la serata Matteo Bruni.

Ospiti gli artisti Nicola Agus, Launeddas Musician, Amanisharkya, le ragazze della Danza Orientale,Cythar, Rock Band Live.

Con la collaborazione editoriale di Rivista Donna di Maria Patrizia Floris.

solo su prevendita euro 30 entro giovedì 11 info Agenzia: 3458726309

Sconfiggere la malattia con la buona cucina.  Il progetto è ambizioso e nasce dall’idea di Paolo Palumbo, giovane cuoco alle prime armi ma con tanta passione da spendere, e di Luigi Pomata, noto chef di livello internazionale.Partire da un libro per arrivare ad un grande obiettivo: raccogliere fondi per la ricerca sulla SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) e per aiutare le famiglie che sostengono pazienti affetti da questa malattia e da altri disturbi neurodegenerativi. Nasce così “Sapori a Colori”, un libro di cucina con tante ricette speciali. Per la prima volta, infatti, i piatti sono pensati e creati appositamente per tutti coloro che non possono nutrirsi in modo naturale ma devono ricorrere a pappe omogeneizzate o al sondino. Un valido aiuto per tutti coloro che, a causa della malattia, hanno perso l’abitudine al gusto del cibo e al piacere della tavola.

Paolo si ammala di SLA nel 2015 proprio mentre cerca di dare forma e corpo ai suoi sogni preparandosi ai test di ammissione che gli avrebbero permesso di entrare nella scuola dello chef pluristellato Gualtiero Marchesi. La diagnosi è spietata. Paolo, a soli 19 anni, è il più giovane paziente in Italia ad essere affetto da SLA e, come se non bastasse, in una forma tra le più rare. Nel suo girovagare da un ospedale all’altro, e  da un ricovero all’altro, Paolo incontra Antonio, 45 anni e da 14 affetto da SLA. E’ allettato e tracheotomizzato e viene alimentato tramite un sondino. Quando Paolo gli chiede che cosa gli manca di più Antonio risponde che il suo maggior dispiacere è quello di non poter sentire più i sapori. Ed è qui che nel giovane grande Paolo si accende una lampadina: dar vita ad un ricettario pensato e creato per tutti i pazienti come Antonio. Lo chef stellato Luigi Pomata, da tutti considerato lo chef del tonno rosso, sostiene l’idea di Paolo fin da subito, gli apre le porte della sua cucina e di quel mondo di colori, profumi e sapori che il giovane cuoco ha creduto di aver perso per sempre.

La SLA ti porta ai confini della vita, lascia libera la mente e l’anima ma ferma il corpo in una prigione senza sbarre. In Italia 200.000 persone affrontano l’impossibilità a proseguire una vita attiva per la comparsa di una malattia neuromuscolare. Di queste almeno 7.000 sono affette da SLA. La SLA è una malattia che a volte è molto difficile da diagnosticare. Al momento non esiste una terapia capace di guarire la SLA e l’unico farmaco approvato permette di rallentare il progredire della malattia. Per comprendere le cause e scoprire trattamenti e cure efficaci è necessario investire nella ricerca scientifica. Negli ultimi anni le ricerche  hanno permesso di decifrare alcuni meccanismi grazie soprattutto ai progressi della genetica. Ma la ricerca scientifica deve andare avanti e tutti siamo chiamati a sostenerla.

Paolo, Luigi e tutti coloro che li hanno appoggiati in questo progetto rendono omaggio a queste persone che soffrono. Il loro è un modo di comunicare la speranza, di dire sì alla vita in un caleidoscopio di “Sapori a Colori”.

Top