You are here
Home > food > Cibi scaduti, ecco quali salvare

Cibi scaduti, ecco quali salvare

Alcuni cibi scaduti possono essere consumati dopo la scadenza, altri invece devono essere buttati subito. In base al tipo di prodotto e all’utilizzo di conservanti si può stabilire se è possibile mangiare cibi scaduti in sicurezza anche dopo un mese dalla data riportata sulla confezione.

Vediamo quali sono gli alimenti che si possono mangiare anche se sono scaduti e dopo quanto tempo rispetto la data di scadenza.

Per quanto riguarda i latticini bisogna fare una distinzione tra i prodotti freschi e quelli stagionati. Il latte è un prodotto fresco che ha durata breve e dunque è meglio non superare uno o due giorni dalla scadenza.

 

Lo yogurt scaduto, invece, può essere mangiato anche dopo una settimana. Per quanto riguarda i formaggi stagionati si possono mangiare anche dopo due o tre settimane togliendo la parte esterna che ha fatto la muffa.

Le uova scadute possono essere mangiate entro tre giorni dopo la scadenza, e potete prepararle alla coque o in camicia. Se, invece, non sono più fresche e scadute da una settimana è meglio se le preparate strapazzate o in una frittata.

L’olio scaduto, se di buona qualità, è uno di quegli alimenti che possono durare anche dopo due mesi dalla scadenza. L’unico inconveniente è che può perdere qualcuna delle sue proprietà organolettiche.

Per quanto riguarda il pesce surgelato o in scatola lo potete mangiare anche dopo un mese dalla scadenza. Tuttavia, il pesce surgelato dovrà essere consumato cotto e assolutamente non crudo.

La pasta, il riso e i biscotti se conservati bene possono essere consumati anche dopo due mesi dalla scadenza.

Per quanto riguarda la farina scaduta, invece, è meglio se non superate il mese. Controllate, tuttavia, che non ci siamo vermi o muffa dentro la confezione

Top