“La prevenzione non ha età” sportello di ascolto con supporto psico-oncologico

Prevenzione-RivistaDonna.com Prevenzione-RivistaDonna.comPrevenzione-RivistaDonna.com

AOU Cagliari LIONS CLUB CAGLIARI MONTE URPINU

Associazione Sarda di Prevenzione, Assistenza Oncologica

La prevenzione non ha età

SPORTELLO DI ASCOLTO, SUPPORTO PSICONCOLOGICO E INDIRIZZO CLINICO

POLICLINICO DI MONSERRATO “D. CASULA” AOU CAGLIARI AULA DIREZIONE MEDICA ORE 12

PROGETTO: Il Lions Club Cagliari Monte Urpinu in collaborazione con il Policlinico Universitario ”D.Casula” di Monserrato, AOU di Cagliari e l’ Associazione A.S.P.A.O. ONLUS, con il patrocinio dell’Ordine dei Medici e del Comune di Cagliari, attivano uno sportello di ascolto, di supporto psico-oncologico e di indirizzo clinico, dedicato alle pazienti che hanno ricevuto la diagnosi di tumore ala mammella e/o all’ovaio a carattere eredo-familiare, alle persone con predisposizione genetica a contrarre un tumore e a quelle con elevata familiarità di tumore al seno e/o alle ovaie. Le persone che ne fanno richiesta usufruiscono di un servizio gratuito con medici esperti in senologia, oncologia, radiologia, chirurgia, genetica, ginecologia, psicologi specialisti in psico-oncologia, iscritti e abilitati presso i rispettivi ordini professionali regionali, che presteranno la loro opera volontariamente. Lo sportello sarà attivo presso il Policlinico di Monserrato, AOU Cagliari. I colloqui si svolgeranno in ambiente che tutelerà la privacy dell’utenza. Sarà presente un servizio di accoglienza e di prenotazione. Gli incontri saranno programmati telefonando dal lunedì al venerdì al n. 070-51096122, dalle ore 11 alle ore 13. Il progetto ha valenza nazionale per il mondo Lions in quanto inserito nell’area delle New Voices.

SCOPO: promuovere la informazione sulle patologie di cui la persona è a rischio, secondo linee guida internazionali, indicando la rete di specialisti, formati e competenti, presenti all’interno delle strutture accreditate nel territorio sardo, in grado di predisporre il giusto percorso diagnostico-terapeutico, nonché dare la possibilità di avere un supporto psico-oncologico durante il percorso di monitoraggio che in alcuni casi può portare alla scelta di eseguire interventi demolitivi a scopo preventivo.

DATI EPIDEMIOLOGICI

Incidenza

Tumore della mammella: Italia 52.000/anno; Sardegna 1.350/anno

Tumore dell’ovaio: Italia 5.200/anno; Sardegna 110/anno

Sopravvivenza a 5 anni

Tumore della mammella: Italia 87%; Sardegna 85%

Tumore dell’ovaio: Italia 40%; Sardegna 42%

Tumori a trasmissione ereditaria

Tumore della mammella: 5-10% nel 25-30% sono mutazioni di BRCA1/2

Tumore dell’ovaio: 10-20%

Rischio di ammalarsi

Tumore della mammella: BRCA1 72%; BRCA2 69% vs 12% della popolazione generale

Tumore dell’ovaio: BRCA1 44% ; BRCA2 17% vs 1,5% della popolazione generale

I geni BRCA 1 e BRCA 2 sono definiti geni oncosoppressori e sono coinvolti nel mantenimento dell’integrità del genoma e nei meccanismi di riparazione del DNA in seguito a danni o rotture: in presenza di mutazione inattivante , questi meccanismi d sono alterati e la cellula è libera di replicarsi abnormemente fino alla trasformarmazione in cellula tumorale

La mutazione BRCA 1/2 per le pazienti con tumore mammario e ovarico non rappresenta un fattore prognostico negativo, rappresenta invece un fattore predittivo di migliore responsività ai farmaci chemioterapici e target specifici

La mutazione BRCA 1/2 nei portatori sani rappresenta una opportunità di sorveglianza attiva per la prevenzione della insorgenza del tumore ovarico e/o mammario

La probabilità di trasmissione delle mutazioni nei geni BRCA dai genitori ai figli è pari al 50%.

La trasmissione ereditata di mutazione BRCA1 e/o BRCA2 conferisce un aumentato rischio di sviluppare un determinato tumore e non la certezza di averlo.

Il test BRCA1/BRCA2 è consigliato, previa consulenza genetica:

1-A donne già affette da carcinoma dell’ovaio non mucinoso, non borderline, a qualsiasi età, sin dalla diagnosi; 2-A donne già affette da tumore mammario in casi specifici (familiarità, giovane età , bilateralità, particolare istologia etc )

2-A donne sane ma a rischio perché hanno una storia familiare di malattia. In questo caso, se il test è positivo, consente di intraprendere appropriati programmi di sorveglianza e di riduzione del rischio che la malattia si sviluppi.

Fonti: Linee Guida AIOM; FONDAZIONE AIOM; AIRTUM; Registro Tumori Sardegna;

Prevenzione-RivistaDonna.com

Il Lions Club Monte Urpinu, l’Azienda Ospedaliera Universitaria e l’ASPAO-Onlus, con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Cagliari, attivano uno sportello di ascolto, supporto psico oncologico e indirizzo clinico, permanente, dedicato alle persone che hanno ricevuto la diagnosi di predisposizione genetica a contrarre un tumore (BRCA1e BRCA2) e a quelle con elevata familiarità di tumore al seno e/o alle ovaie e ai loro familiari, che presentano il rischio di sviluppare un tumore al seno e all’ovaio in una percentuale nettamente superiore rispetto alla popolazione non portatrice. 

Le persone che ne fanno richiesta usufruiscono di un servizio gratuito con medici esperti in senologia, oncologia, radiologia, chirurgia, genetica, ginecologia, psicologi specialisti in psico-oncologia, iscritti e abilitati presso i rispettivi ordini professionali regionali, che presteranno la loro opera volontariamente.

Lo sportello sarà attivo dal mese di aprile p.v. presso l’azienda Ospedaliera Policlinico 

Universitaria di Cagliari presidio Duilio Casula, al 3° piano nei locali dell’Associazione ASPAO-Onlus.

Si può accedere allo Sportello mediante appuntamento telefonico al numero 

070.51096122 dal lunedì al venerdì dalle ore 11:00 alle ore 12,00.

Al Progetto hanno dato l’adesione le Associazioni ”Mai più sole” Karalis Pink Team”,”Società Italiana di Psiconcologia”.

Il progetto si colloca all’interno delle azioni che i Lions realizzano nel campo della Prevenzione oncologica e nell’area delle New Voices, per la promozione e divulgazione delle iniziative e delle buone prassi dedicate alle donne.

La Conferenza stampa di presentazione del Progetto si terrà il 19 marzo 2019 alle ore 12,00 presso l’aula della direzione medica della AOUCA – Presidio D.Casula – Policlinico Monserrato.

Saranno presenti:

Il Direttore della AOU Giorgio Sorrentino, il Direttore Sanitario Nazareno Pacifico,la Governatrice del Distretto 108 L Lions Leda Puppa, la Presidente del Lions Club Monte Urpinu M. Valeria Puddu, la Presidente dell’ASPAO M.Teresa Ionta, il Rettore dell’Università degli Studi di Cagliari Maria del Zompo, il Presidente dell’Ordine dei Medici di Cagliari Raimondo Ibba.

Lascia un commento