Santorini: 6 consigli per visitare l’Isola

Almeno una volta nella vita bisogna visitare l’Isola greca di Santorini

Perché? E’ presto detto!

Santorini-RivistaDonna.com

Non esistono delle isole simili a Santorini nel Mediterraneo e nei mari di tutto il mondo.

Il panorama suggestivo della Caldera, caratterizzato dal cratere vulcanico, la cui parte di rilievo è crollata dopo una enorme esplosione circa 3500 anni fa.

Questo luogo è unico, e contribuiscono allo spettacolo le particolari rocce rosso brune, nere, cosparse di pomice grigia.

Non dimentichiamo le isolette dove era presente la bocca del vulcano, il mare blu profondissimo, ed villaggi che si affacciano sull’orlo della scogliera, attorniati dal loro color bianco immacolato.

Ecco 10 consigli per conoscere al meglio quest’isola meravigliosa con qualche suggerimento per intraprendere un viaggio indimenticabile.

Santorini ruba il cuore, con le sue spettacolari meraviglie.

Visitare la Caldera

Per chi non lo sapesse la Caldera è il panorama e tutto ciò che è fonte di turismo, partendo da hotel di lusso, i tramonti suggestivi, le piscine, negozi di gioielli, i cocktail presi sullo strapiombo, cenette da vertigini incluse.

Qui non ti annoierai mai, il panorama è unico, nessun paragone con altre Isole dell’Egeo. 

Madre Natura ha regalato un piacere per occhi, cuore e mente.

Visitate più cittadine, come Fira (Thira), il capoluogo, e a Oia, il paese più a nord.
Camminate da Fira e arriverete in breve tempo a Imerovigli dove scoprirete un panorama quasi inaspettato.
 
Successivamente cercate il sentiero per il promontorio di Skaros a soli 15 minuti da Imerovigli.
Essa si inoltra nella caldera come la prua di una nave.
Salite in alto, se siete agili vi sentirete al centro del mondo: una sensazione incredibile.

Santorini-RivistaDonna.comAmmirare il Tramonto

Ciò che caratterizza Santorini è sicuramente il tramonto suggestivo, che sicuramente è diventato un enorme business.

Si può ammirare da una barca oppure dal capoluogo di Oia.

Durante questo momento arriva il saluto al sole, poi ognuno riprende la sua strada.

A Oia il sole cala dietro o di fianco all’Isola di Folegandros, che dipende da dove si guarda il tramonto. Durante questo momento la luce sembra che venga letteralmente inghiottita dalla luce.
 
Durante questo momento vedrete il mare e le isole dell’Egeo.
 
Se preferirete guardare il tramonto da Firostefani o da Imerovigli, la caldera sarà davanti a voi, riempita di raggi, con lo sperone di Skaros fa da sfondo.
 
Potrete osservare con calma le barche e i galeoni che tornano in porto mentre il crepuscolo piano piano si cede all’oscurità della notte.

 

 

 

 

 

 

Visitare siti Archeologici

La Caldera fa dimenticare che ci sono anche luoghi storici da scoprire. 
 
Ricordiamo Delos, il sito archeologico più importante di tutto l’Egeo.
L’esplosione ha seppellito completamente la città che per quell’epoca era molto all’avanguardia.
Rimangono molte tracce di essa nel sito di Akrotiri, scavato solo in minima parte.
 
Se vagate per le rovine, troverete un’infrastruttura in cemento, legno e acciaio. Lascia a bocca aperta tutti quelli che la visitano per la sua ampiezza.
 
Quindi ci si chiede quanto fossero evoluti gli uomini nel 1700 a.C., esattamente 1000 anni prima della fondazione di Roma.
 
Consigliamo vivamente di pagare il biglietto d’ingresso per Akrotiri, di circa 12 euro.
 
Non dimenticate di visitare il Museo archeologico a Fira. Sono conservati molti reperti trovati durante gli scavi archeologici.
Ci accompagneranno in questa esperienza storia gli affreschi di donne e meravigliose scimmie azzurre, di crateri, oppure vasi, il calco di un tavolo, un forno portatile ed un bellissimo stambecco fatto d’oro.

Le Spiagge

Chi viene a Santorini non lo fa principalmente per le spiagge. In molti dicono che non sono più belle di altre disseminate nell’Egeo.
 
Il mare dell’Isola non è di un azzurro turchese, con tipiche spiagge bianche.
 
Qui si parla di vulcani, cenere, e mare blu profondo.
 
Non dimentichiamo però alcune spiagge degne di essere ammirate.
 
Potete noleggiare un motorino per andare a visitarle.
 
Andate Kamari, regno dei back packers e visitate Perissa, paradiso dei tour organizzati.
 
La spiaggia non è la prima scelta a Santorini, infatti solitamente si sta in piscina o si va al lido completo di sdraio ed ombrellone.
 
Se siete in cerca di spiagge da visitare, soprattutto quelle più remote, andate a Vlychada con la peuliarità della sabbia nera. Se vi piacciono le scogliere è un occasione per tuffarsi, senza contare il passaggio lunare.
 
La Red Beach è sicuramente più affollata ma vale la pena di vederla con i propri occhi.
Non dimenticate la spiaggia Coloumbos, conosciuta per la sua scogliera grigia e ciottoli neri.
Tutto attorniato dal silenzio.
Santorini-RivistaDonna.com

Sentirsi in mezzo al Vulcano

Se volete cambiare prospettiva, invece di scendere al livello del male, potete trovare e visitar un’altra visione, ma sempre suggestiva.
 
Consigliamo un tour organizzato, partendo alla scoperta di Nea Kameni e Palea Kameni, due isolette in mezzo alla caldera ed a Thirasia, l’isola che chiude il cerchio con quelle vicine.
 
Da lontano ammirerete Fira e Oia stagliarsi contro il cielo. Il vulcano esiste ed è attivo, con il tipico odore di zolfo, con ai piedi le sorgenti marine di acqua calda.
 
Per fare questo tour potete scegliere di girare in barca, motoscafo, con un galeone o un catamarano. Un tour compreso di cena durante il tramonto sarebbe l’ideale.

Camminate vista Mare

Per apprezzare al meglio Santorini non possono mancare le passeggiate lungo la caldera. 
 
Camminare da Fira, fino ad Oia, il tutto così rilassante, poco impegnativo, ma esplorando posti naturali lontani tal turismo di massa.
 
Nel momento in cui entrerete ad Oia, vi immergerete nella folla, apprezzando ancora di più la tranquillità appena assaporata.
 
Per intraprendere questa camminata si consiglia la mattina presto o il mezzo pomeriggio, sopratutto se viaggerete se in piena estate.
 
Non dimenticatevi di armarvi di acqua e scarpe comode per affrontare la camminata.
 
Ricordate di non avere fretta, comminate lentamente, ammirando i resort e le loro bellissime e sontuose piscine, nel mentre vi avvicinate pian piano ad Oia.
 
Vi aspetterà una salita, ma praticatela senza fretta. Dopo la chiesa infatti sarà tutta in discesa.
 
Da Imerovigli a Oia ci metterete due ore e mezza circa, ma il sentiero e ben segnato.
Santorini-RivistaDonna.com

Santorini è un’Isola meravigliosa suggestiva, emozionate dove si lascia un pezzo di cuore se goduta al 100%.  E ci ritornerete!

Lascia un commento