Difficulty management, l’innovativo metodo di gestione delle difficoltà e dei momenti di crisi

Per Mara Mussoni guidare le persone in modo gentile ma fermo, con energia ed empatia, è una delle sue maggiori qualità

Vuol far sì che le persone possano evolvere e crescere nella loro consapevolezza, sradicare convenzioni e sensi di colpa, prendendo tra le mani il loro futuro. Solo così sapranno che spesso la via della guarigione esiste. Solo sapendo chi si è e da dove si viene, si potrà affrontare la difficoltà.

Difficoltà-Mara-Mussoni-RivistaDonna.com

Ci parli di Lei

Mara Musoni di oggi è una donna soddisfatta di aver superato, affrontato e gestito tante difficoltà nella vita di diverso stampo. E attraverso queste, e grazie alla sua voglia di mettersi sempre in discussione, è cresciuta e maturata come persona e professionista.
Sono partita con un cancro a 18 anni, un altro a 38 e nel frattempo diversi cambiamenti relazionali e lavorativi. Sono passata da un lavoro sedentario in ufficio ad un viaggiare quotidianamente in lungo e in largo per la Romagna e non solo. Mi sono formata a 360 gradi, acquisendo strumenti pratici e non e, solo dopo essermi fin troppo complicata la vita, ho compreso che tendiamo a replicare copioni: pensieri, parole e comportamenti che non fanno altro che creare gli stessi risultati e quindi le stesse difficoltà, ma magari in contesti e in momenti storici diversi.

Cos’è una difficoltà secondo lei?

Partiamo dal dire che non c’è la stessa interpretazione per tutti. Ognuno di noi può reagire in maniera totalmente diversa e opposta di fronte ad una situazione rispetto ad altri.
Nel tempo ho compreso che ognuno sente il peso di una difficoltà a seconda del suo livello di sopportazione e in base al suo sistema percettivo reattivo, che gli fa percepire una minaccia o cogliere una sfida.
Per me, ad esempio, le difficoltà sono sempre state degli stimoli, degli input per fare meglio, per crescere e per comprendere ciò che avevo sbagliato prima… anche se, parliamoci chiaro, mi sono fatta anche molto male e ho dovuto davvero metterci tanta energia per venirne fuori.

Da dove il suo metodo di difficulty management ovvero gestione delle difficoltà?

Nasce innanzitutto dall’esperienza diretta sul campo della vita e dalla mia professione di formatrice e coach a fianco di persone coinvolte direttamente e indirettamente con la malattia. Utilizzo il cancer coaching per far risparmiare tempo di sofferenza alle persone e per far sì che possano uscire dalla paura e dalla confusione che ne deriva.
Ho preso spunto da oltre 200 casi con cui ho lavorato in questo particolare e difficile momento di vita e, avendo testato il metodo, mi sono resa conto di quanto potesse abbracciare difficoltà date da esigenze diverse.

A chi è rivolto il metodo?

È rivolto a tutti! Non credo che ci sia qualcuno sulla faccia della Terra che non abbia mai avuto una difficoltà.
E credo anche che tanto di più esse si creano nelle relazioni.
L’ambito lavorativo è uno di quei luoghi dove passiamo la maggior parte del nostro tempo e quindi è proprio lì che ci sono difficoltà che poi si portano anche a casa.
Le aziende sono sistemi organizzativi composti da risorse umane e serve sempre di più generare consapevolezza e dare strumenti pratici alle persone, affinché possano stare meglio e pertanto garantire la produttività che sta tanto a cuore agli imprenditori.

Difficoltà-Mara-Mussoni-RivistaDonna.com

Come funziona?

Il metodo è strutturato, ma al tempo stesso flessibile e si affianca in maniera personalizzata a ogni individuo che, grazie a 4 passaggi precisi riesce a fare chiarezza, comprendere la dinamica che sta al di sopra della difficoltà, ricercare le possibili alternative per poi arrivare alla soluzione più strategica attuabile e sostenibile in quel momento affinché possa subito metterla in atto.

Quali sono i risultati che produce?

Innanzitutto le persone sia che facciano un percorso individuale sia che venga fatto in gruppo in azienda acquisiscono strumenti pratici, migliorando la loro consapevolezza e ottenendo una proficua interazione fra loro stessi e quindi con gli altri.
Soprattutto in azienda non si considera quasi mai l’importanza di mettere in sinergia le persone con le stesse soft skills, non le si valuta, e così facendo si perde l’ opportunità di creare uno stato di armonia, che genera un ambiente più produttivo e performante.
Tutti noi diamo il meglio di noi stessi con chi è in assonanza piuttosto che in dissonanza.

Ci faccia un esempio pratico

Certo, ad esempio se un collega è legato alla dinamica della certezza, è più probabile che sia una persona ordinata, abitudinaria e con un certo rigore nel compiere i suoi compiti. Se viene affiancata da un altro collega o responsabile che invece è legato alla dinamica dell’incertezza, è molto probabile che entrino in conflitto, perché uno soddisfa il proprio bisogno intrinseco in maniera diametralmente opposta e quindi colui che ama gli stimoli, i nuovi progetti e le nuove sfide da affrontare sarà demotivato da colui che invece per rimanere sempre così com’è, gli dirà: ma cosa vuoi fare? Ma sei sicuro che questa cosa funzioni? Sei sicuro che si possa fare?

Ed ecco che poi il dubbio crea energia negativa per uno e ansia nell’altro. Chiaro? È uno degli esempi semplici, ma necessari da comprendere, che potrebbero capitare.

Ovviamente non si possono stravolgere i ruoli all’interno dell’azienda e non è neanche sempre possibile stare solo con chi ci piace, fra l’altro non è neanche funzionale, perché se nella vita impariamo, le cose più importanti le impariamo da coloro che riteniamo diversi da noi. Ma dare strumenti di gestione significa trovare un accordo e una modalità di interazione, anziché trattenere e agire in maniera istintiva.

Difficoltà-Mara-Mussoni-RivistaDonna.com

Ci dia un ultimo consiglio

Voglio solo dire che sogno un mondo migliore, un mondo dove le aziende per prime si prendano la responsabilità sociale di rendere le persone più consapevoli e sogno un mondo fatto di libertà, serenità e rispetto per tutti.
Io posso essere solo una goccia nel mare, ma credo di non essere l’unica e che invece siamo in tanti a sognare di lasciare un posto migliore rispetto a quello che abbiamo trovato, per i nostri figli, per quelli che ci sono e per coloro che arriveranno.

giorgio-nadali-RivistaDonna.com
Giorgio Nadali

 

Lascia un commento