Uomo passione grooming: quasi 1 italiano su 2 si fa bello solo per il gusto di piacersi di più

Milano, marzo 2022 – Tra le ragioni che spingono gli uomini italiani a farsi belli, la prima è per quasi la metà (41%) la volontà di migliorare il proprio aspetto, segue l’occasione per concedersi una coccola (33%) e infine ci sono i suggerimenti dati da amici e parenti (22%). L’uomo sempre più esteta è il profilo che è emerge dalla ricerca condotta da Treatwell, leader in Europa nella prenotazione online di servizi beauty e wellness, che ha incrociato i risultati del proprio database con quelli di un’indagine su oltre 500 uomini volta a indagare come sia cambiata la bellezza al maschile.

Guardando i dati delle prenotazioni online, salta all’occhio la crescente popolarità della rasatura della barba che segna un +116% rispetto allo scorso anno. Si scopre così che radersi non è più solo uno step last minute di una beauty routine casalinga, bensì un rito da far eseguire da professionisti in un vero e proprio tempio di bellezza for men only: i barber shop. Lo conferma il fatto che più della metà degli italiani preferisce prenotare in una barberia (51%) piuttosto che in un salone unisex, solitamente nel weekend e senza badare troppo al prezzo (il 91% prenota infatti senza sconti). Uno scenario diverso rispetto a quello delle donne, che invece sono solite aprire la app di Treatwell il lunedì mattina, forse come consolazione al doloroso back to work e sono leggermente più attente al borsellino (l’87% prenota a prezzo pieno).

Scegliere luoghi esclusivi per farsi coccolare non significa non essere tentati da un’offerta di servizi sempre più neutra. Infatti, subito dopo il taglio e la barba, nella classifica dei trattamenti più amati dagli italiani c’è la depilazione del viso, cresciuta del 65% rispetto allo scorso anno, specchio di una bellezza sempre meno stereotipata. Chiudono il cerchio i massaggi che segnano un +43% delle prenotazioni, a riprova del fatto che regalarsi delle piccole coccole beauty come momento di puro relax non ha genere.

Dati alla mano, ci si aspetta che la passione verso il mondo del grooming contagerà sempre più uomini anche nel 2022. Sì ma come? Pasquale Morisco di Bullfrog di Piazza Alvar Aalto, salone di Milano iscritto al portale, ha raccolto 5 tendenze che segneranno i prossimi mesi in fatto di barba e capelli.

Rasatissimo

Ultimamente c’è una scuola di pensiero che prevale nettamente sulle altre. Il rasatissimo sarà in assoluto la base di tutti i look e partendo da lì vedremo reinterpretazioni di grandi classici. Il Caesar Cut, infatti, sarà ancora una volta il re dei tagli corti e se già prima lo vedevamo spesso, ora prepariamoci a vederlo ancora di più, ma non finisce qui.

Anche misure medio-lunghe

È vero, i tagli XS continuano a stare in prima linea, ma compaiono anche lunghezze maggiori. Non è un caso se il taglio mullet si è riaffermato nell’anno appena trascorso e, ovviamente, continueremo a vederlo ancora per un po’, magari in vesti un po’ reinterpretate: ora più lungo, ora più corto, con una sfumatura più netta o più morbida, più alta o più bassa, ma comunque sempre lui, l’inconfondibile taglio tornato dagli anni 80.

Comodità al primo posto…

La più importante eredità lasciata da due anni di mascherina è senza dubbio la comodità, divenuta oggi priorità di molti. Le scelte sono guidate da una ricerca di un look sì accattivante e di tendenza, ma che sia anche facile da gestire nel quotidiano, un po’ spettinato, ma ad arte.

… con le giuste attenzioni!

Non tutte le barbe sono uguali, così come la rispettiva beauty care routine. Barba lunga e corta, infatti, richiedono attenzioni diverse e, quindi, prodotti diversi. Per quelle lunghe, il gel, grazie alla sua texture trasparente, consente di direzionare il rasoio nelle parti dove si vuole procedere e avere già la visione del risultato finale, permettendo di disegnare basette, baffi e pizzetti. Per le più corte, invece, meglio accantonare il pettine e sostituirlo con la spazzola da barba che con le sue setole di cinghiale pulisce in profondità e aiuta a distribuire il prodotto omogeneamente su tutta la barba.

Priorità a cura e relax

Se da un lato la diffusione dello smart working ha ridotto le occasioni in cui usare prodotti per lo styling dei capelli, dall’altra ha aumentato l’interesse per la cura degli stessi, ma anche della barba e della pelle. Per questo oggi, a fianco dei classici servizi di barberia, sono sempre più popolari i trattamenti estetici grooming, un modo per sperimentare i benefici della skincare e godersi una pausa beauty. Come ad esempio il pacchetto anti-stress per viso e barba: una coccola per rilassare e ammorbidire la pelle e il pelo della barba che viene poi modellata con forbice, macchinetta e panni caldi.

A proposito di Treatwell

Treatwell è il sito e applicazione leader in Europa dedicato al mondo beauty e wellness grazie a cui gli utenti possono prenotare il proprio appuntamento di bellezza, in pochi click e a qualunque ora. Parrucchieri, estetisti e professionisti della cura della persona possono invece, grazie a un’agenda digitale e a un software gestionale, fissare in tempo reale gli appuntamenti e curare l’attività in tutti i suoi aspetti. Nato in Inghilterra nel 2008 Treatwell conta ora più di 550 dipendenti e una presenza capillare in 13 Paesi europei dove ogni giorno collabora con oltre 40.000 saloni partner.

Lascia un commento