Teatro: Trianon, va in scena ‘L’eredità Scarpetta’

Il Trianon ricorda gli Scarpetta: per approfondire alcuni aspetti del lascito culturale della maggiore famiglia teatrale del Novecento, il direttore artistico Marisa Laurito dedica la mini-rassegna ‘L’eredità Scarpetta’ sotto il patrocinio della Fondazione Eduardo De Filippo.

Due saranno i nuovi allestimenti in prima assoluta, prodotti dal teatro di Forcella per la regia di Francesco Saponaro: venerdì 6 e sabato 7 maggio, alle 21, domenica 8 maggio, alle 18, andrà in scena “Titina la magnifica”, con la drammaturgia di Domenico Ingenito e Saponaro ispirata al libro Titina De Filippo ”Vita di una donna di teatro” di Augusto Carloni.

Protagonisti Antonella Stefanucci, e Edoardo Sorgente. Venerdi 13 e sabato 14, alle 21, e domenica 15 maggio, alle 18, debutta ‘La donna è mobile’, commedia parodia musicale di Vincenzo Scarpetta, tra citazioni di Rigoletto e Traviata di Verdi, Cavalleria rusticana di Mascagni, Guglielmo Tell di Rossini e La Bohème di Puccini.
    Fu Vincenzo Scarpetta l’ 8 novembre 1911 ad inaugurare il Trianon, il nuovo teatro elegante sorto per incentivare lo sviluppo abitativo dell’insula del Risanamento vicina a Forcella. In scena con la fortunata commedia paterna ‘Miseria e Nobiltà’, il capocomico debuttava nel ruolo di don Felice Sciosciammocca, dopo aver interpretato a lungo il ruolo del figlio Peppeniello, segnando così il passaggio di testimone con papà Eduardo.
    ”Destreggiandosi in un nugolo di personaggi che ricalcano gli echi della più nota drammaturgia scarpettiana – spiega il regista Francesco Saponaro – Vincenzo Scarpetta ci offre una raffinata e umoristica critica della società del suo tempo che in realtà non è affatto lontana dalla nostra”. Lunedì 23 maggio, alle 11, all’Università Federico II, il primo appuntamento di ‘2000 Eduardo. Incontri, conversazioni, suggestioni e informazioni per artisti del nuovo millennio’, progetto curato da Giulio Baffi.

Lascia un commento