Come dormire fresche nelle notti d’estate.

Come dormire fresche nelle notti d’estate.

Con estati sempre più calde e una maggiore consapevolezza riguardo alle spese energetiche e i danni che ventilatori e condizionatori creano sull’ambiente, la domanda che affligge le calde sere è sempre la solita.
Quale è la giusta scelta per non soffrire il caldo?
La verità è che di scelte e combinazioni ne esistono di molte, parliamo quindi insieme delle migliori.

Trucchi per rinfrescare le notti estive

È una sensazione comune arrivare finalmente al letto dopo una giornata stressante, eppure dopo i primi
minuti di dolce riposo il pensiero è sempre lo stesso.

Ma come possiamo fare per ridurre il caldo durante le sere estive?

La prima soluzione è sicuramente quella di alleggerire le proprie coperte, utilizzando materiali leggeri e traspiranti come ad esempio il lino. La stessa cosa vale per gli indumenti, avere un pigiama comodo,
infatti, non significa sempre che sia anche fresco, motivo per cui scegliere un abbigliamento adeguato è
fondamentale. È possibile però che gli indumenti che fanno per noi non siano troppo facili da reperire,
motivo per cui è spesso utile conoscere i giusti negozi dove poter acquistare una camicia da notte online
oppure le giuste lenzuola adatte a noi.

Un altro metodo importante è abituarsi ad arieggiare spesso la propria stanza.
Durante il pomeriggio, infatti, la luce del sole e il calore che batte sulla nostra casa vengono accumulati
dentro le pareti rendendo l’aria calda e afosa. In questo caso la soluzione più semplice, infatti, è proprio
arieggiare spesso, così da permettere all’aria di girare e al caldo di uscire. Questo crea una sensazione
molto diversa rispetto all’uso di condizionatori, i quali oltre che consumare molta energia seccano l’aria,
provocando spesso anche forti dolori al risveglio.

Facendo circolare l’aria durante la notte, inoltre, le pareti e i soffitti della nostra casa perderanno il calore
accumulato rendendo più fresche anche le ore del giorno. Questo grazie alla differenza di temperatura
che intercorre tra ore notturne e diurne, tra le quali si può rilevare una differenza di circa dieci gradi.
Riguardo al modo in cui dare aria ci sono metodi più o meno efficaci, il migliore e quello di creare riscontro
aprendo le finestre ai poli opposti della nostra casa, così da permettere all’aria di circolare anche quando il vento è poco.

Un altro metodo molto efficace è quello di ombreggiare la propria casa durante le ore diurne, questo,
quando possibile, è infatti un metodo molto efficace per tenere la propria casa fresca, che non ricevendo
direttamente i raggi del sole ha anche molto meno la possibilità di immagazzinare calore. I metodi più
efficaci per fare questo sono sicuramente le tende da sole, da posizionare ovviamente verso l’esterno, così
da non permettere al calore di addentrarsi dentro casa, oppure, quando ce ne è la possibilità, gli alberi,
i quali ci aiutano ad ombreggiare trattenendo il calore e permettendo comunque alla luce di trapassare ed
illuminare dentro casa.
Un altro accorgimento importante è quello di chiudere le tapparelle durante le ore più calde, così da ridurre al minimo la quantità di calore che i nostri pereti di casa sono in grado di immagazzinare.

Lascia un commento