Marina e Sara: le imprenditrici dell’office make up

In Italia oltre un milione e 330mila attività economiche a conduzione femminile

Office-Make-Up-RivistaDonna.com

Secondo l’Istat è donna oltre un quarto dei nuovi imprenditori con dipendenti (28,4%), la percentuale sale al 31,1% tra i lavoratori in proprio. Le neo-imprenditrici sono per il 48,4% inserite nei settori ad alto contenuto tecnologico e di conoscenza, contro il 39% degli uomini.

Nell’ambito dell’imprenditorialità femminile si rileva una forte eterogeneità che può essere sintetizzata nei seguenti profili prevalenti: per il 45,6% le imprenditrici sono over 35 e con un’istruzione limitata, per il 20% sono giovani, con un’istruzione avanzata ed inserite prevalentemente nei settori più innovativi; per oltre un terzo sono invece over 50 e operano soprattutto nel Commercio e negli Altri servizi.

Due giovani imprenditrici milanesi – Marina e Sara Caffagna – si sono dedicate all’ office make up. Scopriamo cos’è.

Marina, lei è passata dal make up professionale per moda e tv all’office make up. Cos’è?

Così come il make-up è rivolto a creare un’armonia della persona, l’office make-up è rivolto a creare armonia nell’ambiente.

L’office make-up è un intervento “estetico”, un abbellimento degli spazi di lavoro. Con pochi e semplici elementi cambiamo look all’ufficio per renderlo più accogliente e ordinato, senza dover affrontare costosi interventi radicali. Piante, luci, scrivanie organizzate, possono veramente cambiare la percezione degli ambienti e dare una nuova energia al lavoro.

Marina e Sara, come nasce la vostra idea imprenditoriale?

Puliams è un’impresa di pulizie nata nel 1996 da un’idea dei nostri genitori e, pur facendone da sempre parte, l’abbiamo ereditata totalmente nel 2016. 

Abbiamo cercato di farla nostra integrando gli aspetti che più ci rispecchiano e aprendoci alle nuove richieste del mercato. Da impresa di pulizie per uffici e condomini su Milano e hinterland, abbiamo ampliato l’offerta anche a negozi e air-bnb, e inserito una serie di servizi affini per supportare i nostri clienti nelle piccole e grandi esigenze quotidiane: manutenzioni, smaltimenti, office make-up, riciclaggio e…  qualunque necessità!

In cosa fate la differenza?

Non vogliamo essere esclusivamente un’impresa di pulizia, vogliamo portare il nostro contributo e la nostra idea di benessere. Un ambiente pulito, ordinato e bello fa la differenza, significa vivere bene e in armonia con l’ambiente, non solo in casa, ma anche in ufficio dove si passa gran parte della giornata. 

Inoltre ci impegnamo a sensibilizzare i nostri clienti e i nostri operatori sulle tematiche ambientali e del riciclo, adottando insieme strategie per ridurre gli sprechi e l’inquinamento. 

Cosa vi chiedono soprattutto i vostri clienti?

Ovviamente una pulizia efficace, inoltre affidabilità, sicurezza e continuità del personale che svolge il servizio, in modo da garantire stabilità. 

Office-Make-Up-RivistaDonna.com

Lo scienziato Michio Kaku ha detto che “è inutile avere una bella scrivania pulita, perché significa che non stai facendo nulla”. Cosa ne pensa?

Può essere che a Michio Kaku non piacesse fare le pulizie 🙂 

A parte le battute, avere una scrivania e un ufficio pulito ed ordinato incide significativamente sulla qualità della vita e sulla produttività. Resettare ogni sera il proprio spazio aiuta a ripartire l’indomani ricaricati. 

A fine 2017 c’erano in Italia oltre un milione e 330mila attività economiche a conduzione femminile, 10mila in più rispetto al solo anno precedente e quasi 30mila in più rispetto al 2014. Come pensate di emergere dalla massa?

Offrendo un servizio che non si limita alla pulizia, ma che prevede una cura a 360° degli ambienti di lavoro: ordine, estetica, armonia, ristrutturazioni e tutto ciò di cui i nostri clienti possono avere bisogno, cercando sempre di essere un punto di riferimento. 

Quali sono le sfide più importanti che affrontate nella vostra attività?

Sicuramente gestire la pluralità degli aspetti di una azienda in maniera ottimale e portare innovazione in un ambiente che risulta ancora spesso “impolverato”. 

giorgio-nadali-RivistaDonna.com
Giorgio Nadali

Lascia un commento